La nostra COMMUNITY

Collaborazioni artistiche

Note al testo

L’amore romantico, l’amore dirompente e passionale, l’amore fanciullesco, l’inganno, la sofferenza, la gelosia, la beffa giocosa e la beffa crudele, la follia e la voglia di stemperare il reale dei personaggi shakespeariani rappresentano storie senza tempo del tutto simili alle nostre, temi universali ancora oggi legati alla condizione dell’uomo. Per questo e per la bellezza che esprime ancora oggi la sua poesia, abbiamo scelto di lavorare sulle opere di W. Shakespeare. Il lavoro teatrale del nostro laboratorio, attraverso un training fisico e improvvisazioni singole e di gruppo, ha affrontato i più diversi personaggi shakespeariani: folletti, cantastorie, principesse bisbetiche, spiriti dell’aria, dame vanitose, re dispotici, creature stravaganti e ridicole. Da questo è emerso all’interno della compagnia una gran voglia di mettersi in gioco, una grande sete di libertà di esprimere concretamente le proprie emozioni attraverso il gioco pur sempre serio del teatro. Ne è nata una commedia giocosa e corale dove il mondo libero della fantasia si incontra col mondo più inquadrato della realtà.

In questo nuovo testo ho voluto far convivere per tutto lo spettacolo, i più conosciuti e irriverenti esseri grotteschi, creature misteriose che hanno sempre fatto da sfondo alle commedie e tragedie di Shakespeare, col mondo aristocratico di dame e cavalieri che nella propria corte non fanno altro che “tanto rumore per nulla”, schiavi dei propri schemi, della paura di essere sé stessi e soprattutto di amare. Come avveniva nel teatro greco, anche nel nostro copione, gli spiriti partecipano attivamente alle vicende umane riparando torti e facendo dispetti per gelosia o solo per la voglia di giocare. Gli umani sono inconsapevoli di esserne circondati e si illudono di essere loro stessi gli unici ed esclusivi artefici del proprio destino. I nostri spiriti (Puck, Oberon, Fate, Ariele, Svelto e Lanciotto) vivono a “capriccio” nella foresta ma tramite il messaggero e il buffone Baldassarre decidono di giocare con la corte influenzando con scherzi e magie l’amore tra Beatrice e Benedetto impegnati in continue lotte spumeggianti. Spiriti che però di fronte alle meschinità e bramosie di Don Juan e dei suoi fidati sgherri, rispondono in modo risolutivo smascherando le menzogne che stavano allontanando Ero da Claudio; si improvvisano attori di un mondo aristocratico che altrimenti sarebbe rimasto imprigionato nelle proprie falsità ed egoismi aiutando le guardie comiche e anche un po’ sceme Sorba e Carrubba ad acciuffare i malfattori. Nel nucleo centrale del nostro testo ci sono perciò le vicende adattate e ridotte di Molto rumore per nulla, attorno alle quali si muovono personaggi e storie tratte da Sogno di una Notte di mezza estate, Come vi piace, I due gentiluomini di Verona, La tempesta, Giulietta e Romeo, La bisbetica domata, Re Lear, La dodicesima notte, Riccardo II. Questa contaminazione di opere shakespeariane ci ha permesso di riflettere sulle umane debolezze e qualità, sulle varie sfaccettature dell’amore, sulla linea di confine tra fantasia e realtà, su come ridicolizzare ed esorcizzare le nostre stesse paure per affrontarle in modo più leggero.

Il fine della nostra arte è dare forma alla esperienza e, con l’aiuto dei testi teatrali e del grande gioco della finzione, arrivare alla più profonda e sincera espressività.

Print Friendly, PDF & Email

Translate this page!

itenfrdeplptrues
Today34
Yesterday77
This week34
This month2179
Total205302

Who Is Online

1
Online

25 Ottobre 2021